Perigli…Osa!!!

Basketown – Osa: 48-54
Perigliosa è dir poco. Brutta, sporca e cattiva, ecco come è venuta l’importantissima vittoria al “Boccioni”. Due punti dal peso specifico immenso ( vincere qua non sarà facile per nessuno…) che permettono ai nostri di restare soli soletti in testa al girone gold.
Avversario storicamente ostico, il Basketown conferma sul parquet tutte le indubbie qualità d’una formazione capace di mettere in campo un’intensità e un gioco d’insieme assolutamente lodevole. Sin dalla palla a due, infatti, i Belk partono forte pressando alto e inducendo i nostri ( al contrario abbastanza pigri nell’approccio alla contesa…) ad una quantità industriale di palle perse, che si palesano in maniera impietosa nel 5 a 0 iniziale. Quando poi sul tabellone si legge un’eloquente 7 a 2, coach Massimo sembra averne viste a sufficienza. Time-out provvidenziale, e squadra che ( evidentemente “pettinata” a dovere…) rimette piede in campo con diverso, ma più adatto, spirito. Qualche bella giocata d’attacco. Difesa finalmente aggressiva. Una “rubata” provvidenziale e la situazione è ribaltata, adesso è un’Osa se non brillante almeno decente, a comandare. Punteggio che rimane comunque basso basso, con le rispettive difese a fare la voce grossa su attacchi alquanto imprecisi. I sei punti di vantaggio con i quali riusciamo ad andare negli spogliatoi sono un bottino che di certo non può lasciarci tranquilli.
Nel terzo quarto la musica non cambia. Si viaggia a scarto ridotto, un rimbalzo di qui, una persa di là. Da una parte e dall’altra, evidentemente consci del valore della posta in palio, si bada più a non prenderle. Nell’ultimo quarto, però, qualche buona iniziativa dei nostri riesce a portare il vascello giallorosso fino al massimo vantaggio. Più dieci a poco meno di sette giri di lancette dalla sirena finale. Tanto, troppo tempo per considerarlo un vantaggio decisivo: e infatti non lo è!
Nemmeno un battito di ciglia e un Basketown mai domo si ritrova, dopo un canestro più fallo, in lunetta per il possibile “meno uno”. Per nostra fortuna gli Dei del basket ci sono benevoli, e sul ribaltamento di campo riusciamo a tornare sul più quattro. Momento che, rischio infarti vari a parte, risulterà poi decisivo nel concitato finale di gara.
Non belli quindi, ma di sicuro dotati di notevoli attributi, nella loro prima partita senza Coach Guido, i ragazzi si sono comunque dimostrati in grado di reagire ( e non è cosa semplice…) ad una partenza un pò così. E se da un lato la possibilità d’aver in panca un Coach del calibro di Massimo è garanzia assoluta ( è stato un suo timeout a mutare l’inerzia d’un match partito male!), dall’altro va sottolineato come i nostri abbiano ormai raggiunto una maturità di gruppo che li porta a serrare i ranghi di fronte alle difficoltà. Bravi ragazzi, quindi! Il bicchiere è senza ombra di dubbio da considerarsi molto più che mezzo pieno, senza però perdere concentrazione e
cattiveria (sportiva…ndr) perchè, come stanno a dimostrare le due ultime gare contro San Carlo e Basketown, gli ostacoli sono dietro l’angolo. A noi dimostrare d’essere capaci di superarli. A cominciare dalla prossima sfida con Segrate, fanalino di coda del girone. Alla Capolista il dovere che le spetta: rispettare tutti, non temere nessuno! Un abbraccio a tutti e per non perdere i vizio…FORZA OSA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *