Chi OSA vola!

SocialOSA – Calolzio: 61 – 52
Impresa!
Si gioca contro la capolista. Quindi un banco di prova importante in vista dei playoff.
Gli stimoli pertanto ci sono anche se per noi potrebbe cambiare poco in termini di classifica finale.
L’inizio è scoppiettante: la squadra avversaria è proprio…una squadra! Giocano bene, sono esperti e scaltri, cercano sempre il compagno meglio piazzato con molta diligenza negli schemi.
L’intensità è da subito piuttosto elevata ma noi prendiamo qualche punto di vantaggio. Le difese concedono poco: la capolista fa capire di conoscere i nostri punti di forza e cerca di sporcare tutte le linee di passaggio. Nonostante ciò noi abbiamo pazienza e spesso colpiamo al limite dei 24 secondi. A fine primo quarto siamo sopra di 4 punti: potevano essere di più se non avessimo sbagliato, come al solito, tanti tiri liberi…
Nel secondo parziale inizia la rimonta dei lacustri. Facciamo un pochino più fatica a concretizzare. Dopo qualche minuto avviene ciò che potrebbe cambiare l’esito della sfida. Il nostro Miche, già gravato di 1 penalità, viene sanzionato in pochi secondi di 2 falli in attacco che ometteremo di commentare. Rientrando in panchina molto nervoso protesta platealmente, prendendo giustamente un fallo tecnico, ed esce dal palazzetto: a questo punto agli arbitri non resta che decretarne l’espulsione. La squadra subisce ovviamente un contraccolpo negativo. Ma dopo poche azioni si ricompatta e evidenzia la maturità che pare aumentare nelle ultime settimane. Non solo non si fa superare dagli avversari ma riesce ad aumentare il distacco. In questo frangente entrano tutti i ragazzi a referto e proprio grazie all’apporto di tutti, sia in attacco che in difesa, chiudiamo il secondo quarto sopra di 7 punti.
Dopo l’intervallo la partita diventa più nervosa e meno bella. Facciamo fatica a concretizzare le nostre azioni offensive grazie all’ottima difesa degli avversari. A nostra volta però siamo attenti e pronti nella nostra metà campo e costringiamo in 2 occasioni gli avversari a non tirare entro i 24 secondi: si distinguono Teo e Seba che danno una ventata di energia a tutta la squadra. La capolista rosicchia solo 1 punto.
Inizia l’ultimo parziale e Calozio cerca di forzare il recupero mettendosi a zona. Dopo un primo momento di smarrimento, e grazie ad un provvidenziale time out, riusciamo a mettere ordine alle nostre azioni offensive. Gli avversari sono sempre a distanza ravvicinata ma non riescono mai a raggiungerci. Noi non indietreggiamo e grazie agli aiuti reciproci riusciamo ad arrivare agli ultimi giri di orologio in relativo controllo. Ed è vittoria.
Così si fa. Bravi ragazzi.
Anche oggi avete dimostrato al numeroso pubblico presente, soprattutto bambini delle giovanili, che se l’attacco non funziona come dovrebbe si può vincere con la difesa.
(EF)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *