GrintOsa!

SocialOSA – Ayers Rock Gallarate: 67-51
È stata dura ragazzi! Non tragga in inganno il divario finale, stavolta i Nostri hanno dovuto
sudare le fatidiche “sette camicie” per avere la meglio su una Gallarate veramente notevole!
Tosti e bravi gli Ayers Rock scesi al PalaPavoni per giocarsi il passaggio ai quarti di finale
del tabellone regionale. Fin dai primi rimbalzi si capisce quale sarà il leitmotiv della sfida:
punteggio bassino e equilibrio che regna sovrano. Non facciamo mica malaccio in difesa,e
riusciamo a chiudere il primo quarto sopra di cinque. 17-12 per noi, ma dall’altra parte son
bravi bravi e non si scappa da nessuna parte. Recuperano i Gallaratesi portandosi fino al
meno uno con il quale si torna negli spogliatoi: 31-30, praticamente si riparte da zero per
venti minuti che si prospettano al calor bianco. Il folto pubblico sugli spalti capisce il
momento e (da una parte e dall’altra…) incita e supporta con entusiasmo i propri ragazzi.
Finalmente ce ne entra pure qualcuna dalla lunga permettendoci di metter lì qualche
punticino di vantaggio, ma dall’altra parte non mollano d’un millimetro rimanendo a contatto
fino alla sirena del terzo, che si chiude con la tabella che illumina un più nove per noi
all’alba degli ultimi dieci rintocchi della pendola. 45-36 Osa, ma l’approdo è ancora lontano!
Però adesso l’attacco funziona che è un piacere, alterniamo soluzioni da fuori e da sotto con
la precisione d’un farmacista, e la medicina che ne viene fuori è un dolce toccasana. In
compenso pure dietro riusciamo a limitare i comunque sempre pericolosi attacchi ospiti.
Con lo scorrere della sabbia nella clessidra però i Rossini-boys acquistano fiducia e l’irta
salita comincia a trasformarsi in un dolce declivio che ci porta fino al 67-51 finale e alla
conquista (che faticaccia però…) degli agognati quarti di finale!
Onore applausi e complimenti più che meritati ad avversari che hanno saputo renderci la
vita molto ma molto più difficile di quanto non sembri a leggere il punteggio. È stata una
vera Battaglia in cui entrambe le squadre hanno dato tutto quello che avevano, regalando
uno spettacolo eccelso e rendendo onore al gioco più bello del mondo!
Un abbraccione da quarto di finale e…FORZA OSA!!!
(BV)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *