DolorOsa!

Osa – San Carlo: 67-68 dts
Questa fa male assai! Sia per come è venuta, sia perché ci condanna alla “retrocessione” ai gironi Gold. Nulla di drammatico per carità, ma sopratutto per come s’erano messe le cose in avvio di match, si poteva sperare in un finale diverso. Pronti via, infatti, e approcciamo la contesa con il piglio giusto. 13-8 noi. Poi un bellissimo 23-10, che si trasforma nel 25-13 con cui chiudiamo uno scintillante primo quarto. Ma, come è giusto che sia, quelli del San Carlo mica son venuti alla Murat in gita di piacere, e cominciano ad alzare i giri del motore producendo una pallacanestro intensa ed efficace che li porta a rosicchiare punto su punto riducendo il gap fino a colmarlo del tutto sul 35 pari con cui si rientra negli spogliatoi. Tutto da rifare quindi, ma d’altro canto, vista anche l’importanza della posta in palio, è normale sia così. Il terzo quarto vive sostanzialmente di un equilibrio assoluto. Si segna con il contagocce sia di qua che di là. Finiamo avanti noi di due punticini: 48-46 per la Corvi-band, ma son bazzecole! Negli ultimi e decisivi dieci giri di lancette lo spartito non cambia, anche se, a dir la verità, adesso il vantaggio, seppur sempre minimo, è a favore del San Carlo. A una manciata di secondi dalla sirena siamo sotto di due. Subiamo fallo e andiamo in lunetta. Son due liberi che pesano come macigni, ma li mettiamo tutti e due! Supplementari! Cinque minuti al calor bianco che affrontiamo nella maniera giusta riuscendo a portarci sopra di cinque. Ma i nostri avversari sono gente tosta e non mollano la presa riuscendo prima ad impattare di nuovo sul 66-66 e poi a portarsi avanti 67-68. Solo un misero punticino che però risulterà decisivo! Complimenti doverosi ad un San Carlo caparbio e che ci ha creduto fino alla fine meritandosi la permanenza nei gironi Top! A noi dimostrare di essere in grado di rialzarci dopo quella che senza dubbio rimane una sconfitta che brucia, ma che deve servire da stimolo per affrontare al meglio il cammino (ancora molto lungo…ndr) che ci aspetta dopo la sosta natalizia. A proposito, tantissimi auguroni di buone feste a tutti e, sempre e comunque…FORZA OSA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *