U18 Gialli

C’era una volta…

C’era una volta

Molte delle storie più belle iniziano così. Ma questa è una storia speciale … è la storia di tanti bambini diventati ragazzi con la maglia della OSA addosso.

È la lettera di un papà al proprio figlio. Racconta di quel giorno in cui lo ha accompagnato al primo allenamento della sua vita.

Inizia così…

“Me lo ricordo bene: era ottobre, pioveva.

La maestra dell’asilo ci disse che nella palestra della scuola stavano per iniziare i corsi di pattinaggio e minibasket.

Quando ti ho visto contro il muro, con quel bernoccolo in fronte ho capito che avresti scelto di tirare a canestro.

Ti ricordi quanto ci abbiamo messo a preparare la borsa per la prima partita? La mamma ha stirato la divisa come fosse la miglior camicia di papà. Abbiamo messo un asciugamano grande ed uno piccolo, le ciabatte blu di spider-man, le tue preferite. Le scarpe nuove che pulivi tutte le sere, poi la borraccia e la roba di ricambio.

Chiudendo quel primo borsone ha avuto inizio un lungo viaggio, un viaggio bellissimo. Da un semplice gioco il basket è diventato per te una ragione di vita: quattro allenamenti, le partite anche lontano da casa, abbiamo girato decine e decine di palestre. Le discussioni tra chi fosse più forte tra Kobe e Lebron, quando eri felice dopo una vittoria. I silenzi in macchina quando tornavamo a casa dopo una sconfitta. Li vedo i sacrifici che fai, lo vedo l’impegno che metti per andare bene a scuola: giochi, studi, giochi e ancora studi.

Non è stato facile farti capire che lo studio viene prima di tutto; lo so che mi hai odiato in quei momenti, ma l’ho fatto per te, per il tuo futuro. Anche oggi sono qui, ho perso il conto delle partite ormai. Amo vederti giocare, a prescindere dal risultato. Il basket ti ha dato tanto: il rapporto con gli allenatori per crescere e maturare, le amicizie con i tuoi compagni di squadra, l’emozione di sognare. Perché lo so che se chiudi gli occhi ti immagini con la maglia della Nazionale alle Olimpiadi. Ed è giusto che sia così. Ma per me le Olimpiadi sono qualsiasi momento che passerai in palestra a divertirti. Divertiti quando diventerai un campione, divertiti quando giocherai in prima divisione con gli amici, divertiti sempre. E’ la prima regola dello sport. Perché è proprio l’amore per il gioco l’unico motivo, l’unica ragione, l’unico brivido, l’unica missione che non ti fermerà davanti a nulla.

E adesso vai e spacca tutto…”

 

Storia e video di La Giornata Tipo

 

Brutta partita

Osa 33 – Nervianese 66

Pessima prestazione ieri sera al Palapavoni per i nostri ragazzi, forse la peggiore che gli ho visto disputare negli ultimi anni. Lenti in maniera imbarazzante, impacciati in attacco e senza idee.

Sfoderando una simile performance non potevamo sperare di impensierire Nerviano che dal canto suo ha sfoggiato un bel gioco con ottime percentuali al tiro da fuori.

Certo che se il tuo difensore ti concede sempre, almeno due metri di spazio e’ un po’ piu’ facile, ma la palla va comunque messa nel cesto.

Nerviano parte subito forte e in meno di 5 minuti del primo quarto si porta sul 13-0. Da li’ in poi non c’e’ stata piu’ partita. Onore ai vincitori.

Mi chiedo dove sia finita la squadra che ha lottato punto a punto con Settimo e quella della partita con il Leone.

Speriamo che salti fuori prima possibile.

Ora ci resta l’ultima partita con Osal prima di accedere al girone Silver.

Dai ragazzi fuori…..l’orgoglio!!
E come sempre…Let’sgOsa
(AD)

Osa corsara in via Rossetti

Leone 65 – Osa 67

Partita al cardiopalma quella disputata ieri sera a Milano nella palestra di via Rossetti.

Osa parte bene e nel primo periodo si porta avanti di 2 lunghezze, ma i ragazzi del Leone giocano un basket tosto e rimangono sempre incollati al risultato.
Anche nel secondo quarto e’ sempre Osa che detta il ritmo del gioco e con alcune belle azioni sul finale riesce a ritagliarsi un piccolo tesoretto di 7 punti.

All’intervallo il tabellone segna Leone 30 Osa 37.

Nel terzo periodo si assiste ad una inversione di tendenza, il quintetto Osa con 3 piccoli subisce la supremazia fisica dei bianchi di casa, che prima pareggiano, e poi si portano avanti di 3 punti.
Il coach corre ai ripari e ributta nella mischia un paio di “corazzieri”.
Adesso si lotta ad armi pari, la partita e’ vibrante, si assiste ad un continuo testa a testa che culmina con il 60 pari alla fine del quarto periodo.

OVERTIME

Anche nel supplementare la musica non cambia, la palla comincia a scottare nelle mani dei ragazzi in campo, ogni tentativo di Socialosa per strappare viene prontamente recuperato dal Leone.
A 20 secondi dalla fine la situazione e’ ancora in perfetta parita’ 65 – 65.
Palla in mano a Socialosa con rimessa nella meta’ campo avversaria.
Forghi rimette la palla a Diio che va in punta, dopo qualche palleggio la passa a Nacho nel centro del pitturato, finta di tiro e passaggio perfetto per il taglio di Forghi che realizza di tabella, +2 OSA.

La panchina del Leone chiama immediatamente timeout, ma alla sirena finale mancano solo 1.9 secondi.
Troppo pochi per organizzare un buon tiro.
Osa vince una bella partita, intensa, giocata ad alto ritmo.
Bravi ragazzi continuate cosi’ e come sempre….

Let’sgOsa
(AD)

Prima sconfitta

Settimo – Osa 64-62

Quando abbiamo iniziato la stagione sapevamo bene che sarebbe stato molto difficile per i nostri ragazzi confrontarsi con avversari di un anno piu’ grandi, se non addirittura due, considerando i possibili fuori quota.
In effetti ieri sera cosi’ e’ stato.
C’e’ da considerare che abbiamo giocato sempre punto a punto mettendo in seria difficolta’ i primi in classifica, ma questo non ci deve bastare!
Comunque non e’ cosa di poco conto.
Tutti i ragazzi si sono impegnati al massimo restando sempre concentrati, pronti a riacciuffare Settimo ogni volta che i “verdi” provavano a distanziarci.
Anche i nostri allenatori; Marco e Lelio si sono dati un gran daffare, a fine partita Marco era senza voce a causa degli incitamenti impartiti ai giocatori.
Ci sono ovviamente delle cose da migliorare: maggiore attenzione ai taglia fuori ed ai tiri liberi (ne abbiamo sbagliati tanti) ma stiamo lavorando bene.
Ottima partita del nostro “G”.

Come sempre let’sgOsa
(AD)

Avanti tutta!!

Osa 59 – Pall Milano 29

Siamo alla seconda di campionato, la prima partita in casa, anche se praticamente in Murat non ci alleniamo mai, quindi e’ un po’ come giocare in trasferta, ci mancano completamente i riferimenti.
In effetti i ragazzi sono molto tesi e la partita incomincia in salita.
Facciamo fatica a trovare il fondo della retina e Pall Milano ci punisce portandosi sul 4-0.
Il coach apporta alcune modifiche al quintetto e il gioco incomincia a fluire.
Riagguantiamo la parita’ e ci portiamo in vantaggio, fine primo quarto Osa 11 – PallMi 7.
Il secondo quarto va decisamente meglio, la palla gira bene ma non cerchiamo il ferro, continuiamo con tiri dal perimetro che fanno fatica ad entrare, nonostante tutto, il vantaggio aumenta.
All’intevallo lungo siamo avanti di 13 punti 32-19.
Nel terzo tempo registriamo la difesa e proviamo anche un pressing a meta’ campo che paga buoni dividendi, alla fine il tabellone indica Osa 44 PallMi 25.
Anche il 4 periodo e’ tutto di marca giallo-rossa, la partita e’ giustamente mostra, finale Osa–PallMi 59-29.
Ottima partita di DiIo e Nacho, mostruosa prestazione difensiva di Forghi.
Bravi ragazzi continuate cosi’!!
Let’s gOsa
(AD)

Chi ben comincia….

Ardor – OSA 34-48
Partono bene i ragazzi della nostra U18 Gialla con una vittoria in trasferta sul campo dell’Ardor Bollate.
Questo sara’ un campionato molto difficile per loro e sicuramente incominciare con il piede giusto aiuta e da’ morale.
La partita in verita’ e’ stata bruttina, con molti errori da ambo i lati del campo.
La prima parte della gara si e’ giocata a ritmi bassi con le difese chiuse a protezione del ferro.
Limitate le penetrazioni tutte e due le squadre si sono affidate al tiro perimetrale con percentuali pero’ molto basse.
Socialosa chiude primo e secondo periodo avanti di circa 7 punti.
Dopo l’intervallo lungo Bollate cerca di rientrare in partita, il ritmo della gara si alza notevolmente e l’Ardor si rifa’ sotto sino al meno 3.
Osa a questo punto stringe le maglie difensive e fa quadrato, riportandosi sul +10, per poi controllare il match fino alla fine.

Anche se il bel gioco ha latitato ci sono state diverse note positive.

Carlo, uno dei nostri nuovi acquisti, si e’ inserito molto bene sia nel gioco che nel gruppo e Francesco ha ripagato la fiducia e i minuti ricevuti dal coach con una buona prestazione personale.

Bravi tutti!!!
Let’sgOsa