U14

Vittoria che vale oro

Social OSA – Tumminelli 62-45
Parziali: 16-5, 14-14, 16-14, 16-12
Alla penultima del Girone Milano 6, campionato regionale FIP, i giallorossi di Social OSA si presentano a punteggio pieno: 6 vittorie su 6 incontri. Stasera però la posta in palio è importante, perché vincendo contro Tumminelli gli OSA-boys si aggiudicherebbero il matematico primo posto, con passaggio al Girone Gold nella fase successiva. Gli avversari, da parte loro, sono altrettanto carichi, perché stanno nel terzetto che lotta per aggiudicarsi il secondo posto nel girone, assieme a Ebro e Tigers, e dunque un’opportunità di Gold o Silver…

Ne risulta una partita combattuta, giocata a gran ritmo da entrambe le compagini. Parte a razzo Social OSA nel primo quarto, sorprendendo per aggressività e velocità di esecuzione gli avversari. Alcuni canestri dei nostri sono corali, veloci e di ottima fattura. Qui si crea un mini-break, che in effetti risulterà decisivo per le sorti dell’incontro altrimenti molto equilibrato. Già da metà del primo quarto Tumminelli registra infatti la propria difesa, che si fa più attenta e tosta; si combatte a ogni rimbalzo e su ogni palla vagante; Social OSA soffre, già nella seconda parte del tempo, momenti di scarsa realizzazione, dove fa fatica a giocare in modo fluido contro la difesa schierata. Piccole pause di vuoto che ritorneranno in altri momenti della gara.
Gli altri tre tempi: partita equilibrata con una leggera prevalenza OSA, che in un paio di occasioni, con le sue fiammate di furore agonistico (difesa a tutto campo e palloni rubati), tenta l’allungo; e con Tumminelli che resta sì dietro, ma neanche di tanto, e che non molla mai, tenendo viva la partita, difendendo bene e giocando bene anche in attacco.

I blu di Tumminelli hanno avuto molti tiri liberi ma le loro percentuali sono state basse; fossero state un po’ più alte, avrebbero impensierito più seriamente, anche nel punteggio, la compagine guidata da coach Rossini. D’altro canto, nel terzo quarto Social OSA ha sbagliato in attacco alcuni appoggi da sotto (diciamo “facili”, ma anche facile dirlo dagli spalti, senza il fiato in gola e gli avversario che ti stanno addosso e ti “sporcano” la conclusione). Se quegli appoggi fossero entrati, i giallorossi avrebbero potuto giocare con più tranquillità nella seconda metà della gara. In ogni caso il risultato non è stato mai davvero in discussione. Social OSA, stasera, ha vinto forse più per merito di diverse (davvero notevoli) giocate individuali di un paio di elementi di spicco, che hanno saputo mantenere tecnica e lucidità nei momenti decisivi.
Che sia un assaggio del clima “Gold”? In ogni caso ora ci siamo arrivati, al Gold, e dunque godiamoci il bel risultato. Altra cosa bella è stata, alla conclusione del match, vedere i ragazzi delle due squadre riconoscere reciprocamente il proprio valore: applaudirsi e farsi i complimenti.
Prossima settimana turno di riposo per Social OSA, che concluderà il girone incontrando Azzurri Niguardese ai primi di dicembre.
(MC)

Un’altra buona prova!

Mojazza-Social OSA 20-127
Parziali: 2-28, 3-29, 7-39, 8-31
Alla sesta del girone si è giocato in casa dei nostri vicini del Mojazza. Il gruppo di Social OSA ha qui regalato al pubblico un’altra bella pronva, con gioco in velocità, palle intercettate, difesa a tutto campo e contropiedi lanciati con pochi, rapidi passaggi e senza quasi palleggiare, per mandare un compagno all’appoggio sotto canestro.
Il solco si è creato da subito e Mojazza, pur impegnandosi a fondo, non è riuscita a organizzare il proprio gioco in attacco, né a difendere efficacemente sui nostri.
In alcuni momenti la tifoseria degli OSA-genitori si è esaltata e ha applaudito a scena aperta, vuoi per qualche numero individuale vuoi per un’azione corale. Tutti e 12 i ragazzi si sono alternati sul campo di gioco, e tutti sono anche andati a segno.
È un bel vedere: vivissimi complimenti ai ragazzi guidati dai coach Rossini e Maschio.
(MC)

Larga vittoria in casa Schuster

Centro Schuster Milano-Social OSA 11-111
Parziali: 2-35, 3-31, 4-21, 2-24
Continua il buon cammino dei ragazzi OSA U14 guidati dai coach Rossini e Maschio. Oggi per la verità la partita non ha avuto storia; il divario era troppo grande. Anche per stazza fisica, diversi tra i ragazzi dello Schuster erano in debito rispetto ai nostri, e la compagine avversaria ha fatto quello che ha potuto.

Solita partenza intensa dei nostri, con pressing a tutto campo, palle rubate, canestri rapidi in contropiede, tagli e buona circolazione contro la difesa schierata. Il solco si è creato da subito e Social OSA ha giocato in scioltezza, divertendosi e piazzando anche qualche tripla. Da menzionare il clamoroso buzzer beater di fine secondo quarto, con tiro scoccato dalla nostra metà campo…

Tutti i ragazzi hanno avuto minuti a disposizione e dato il loro buon contributo.
Complimenti a tutti e forza OSA sempre!
(MC)

U14 Gran bella partita contro Ebro

Social OSA-Ebro Basket 66-37
Parziali: 15-12, 21-6, 16-6, 14-13
Spettacolo di basket per il pubblico del PalaMurat alla quarta del Gruppo Milano 6 nel girone di qualificazione FIP. I rossi di SocialOsa, guidati da coach Rossini, hanno il loro bel filo da torcere nel primo quarto contro gli ottimi verdi di Ebro, i quali difendono tosto, appaiono reattivi sulle palle vaganti e in attacco fanno girare bene la palla. Alla fine della frazione siamo sopra di poco, ma la partita è in perfetto equilibrio: bella e tirata.
Nel secondo e terzo quarto i nostri offrono una prestazione maiuscola, giocando a velocità supersonica, applicando con successo la difesa asfissiante che nelle partite precedenti aveva caratterizzato l’inizio gara, rubando palloni e producendo il break con canestri in contropiede, alcuni di eccellente fattura. Ebro non riesce, così, a trovare buoni tiri, e realizza il primo canestro solo a metà frazione. Il grande sforzo di Social OSA continua nel terzo quarto ed è normale che, giocando con tale grinta e a tale velocità, la lucidità sotto canestro a volte manchi. Le percentuali scendono, si combatte a volte in modo confuso (ma sempre correttamente), e intanto il divario poco a poco aumenta.
Messo a sicuro il risultato, nel quarto tempo Social OSA non rallenta, ma gioca un pochino più rilassata; il punteggio della frazione è in sostanziale parità.
Al di là della grinta e dei miglioramenti tecnici, ai quali i ragazzi ci stanno abituando, la squadra ha tirato fuori un bel carattere, imponendosi alla distanza sui validi avversari.
Avanti così OSA!
MC

Di slancio in casa sull’Urania

Social OSA-Urania Basket Milano 97-31
Parziali: 32-5, 24-12, 20-7, 21-7
Alla terza del girone di qualificazione FIP ci si ritrova al PalaMurat per incontrare la blasonata Urania, la cui prima squadra 2004 partecipa quest’anno all’Élite.
Nel raccontare dunque dell’ampia vittoria odierna, va tenuto conto che gli avversari erano tutti di un anno più giovani, del 2005. Se si eccettua il primo quarto, dove i nostri sono partiti fortissimo e sono stati quasi perfetti, non lasciando a Urania nemmeno il tempo per pensare, bisogna fare i complimenti alla squadra avversaria che, pure in una condizione di evidente disparità fisica, si è fatta valere sul piano tecnico e del temperamento, cercando di imbastire il proprio gioco e trovando, soprattutto nel secondo quarto, alcuni pregevoli canestri.
L’inizio forte, con difesa aggressiva a tutto campo, sembra essere un marchio di fabbrica della compagine guidata da Rossini e Maschio. Bene nel primo quarto anche l’attacco, con giro veloce di palla, tagli e assist. Con l’azione corale più bella della serata si chiude la prima frazione.
Nel resto della partita Social OSA ha continuato a giocare con grinta, intercettando palloni e lanciando contropiedi, ma con un piccolo calo di fluidità e lucidità, visibile in qualche palla persa di troppo e in alcuni errori in fase offensiva.
Il gruppo sta comunque crescendo. Tutti e 12 i ragazzi hanno avuto minuti di gioco, mettendosi alla prova e contribuendo al successo di squadra. Avanti tutta OSA!
(MC)

U14 vittoriosa con i tigrotti

Nella palestra di via Frigia va in scena il secondo atto della stagione U14 Fip: gli avversari di turno sono i Sanga Tigers.
Nel primo quarto i nostri ragazzi partono fortissimo e grazie ad una difesa press a tutto campo, marchio distintivo di coach Rossini, si portano velocemente sul 20 a 2.
Gli avversari sembrano frastornati ma complice qualche sbavatura in attacco dei nostri e la situazione falli, riescono a limitare i danni, il primo quarto si chiude sul 25 a 16.
Nel secondo quarto il coach trova un buon contributo dalla panchina e solamente qualche errore di troppo ai tiri liberi ci impedisce di allargare lo scarto in maniera ancora più consistente, comunque arriviamo all’intervallo con un rassicurante + 14, 46 a 32.
Il secondo tempo si apre come il primo, l’aggressività dei nostri si fa sentire e gli avversari sembrano provati fisicamente dalla costante pressione difensiva, il terzo quarto si chiude 69-48.
Nell’ultima frazione, con il risultato ampiamente segnato e i tigers forse scoraggiati, Osa scollina anche il + 30 di vantaggio, chiudiamo 87-61.
Partita solida della nostra U14, la comprensione delle istruzioni del coach sembra a buon punto, naturalmente lo spazio di crescita e di miglioramento è ancora notevole, complimenti anche ai tigers che nonostante tutto non hanno mai mollato.
(RC)

U14: Bell’esordio al FIP

Social OSA-Pall. Milano  126-28
Parziali: 33-4, 25-11, 37-7, 31-6

Inizia bene il torneo FIP 2017-18 per i nostri U14, all’esordio casalingo al PalaMurat, e con il debutto dei nuovi coach Guido Rossini e Massimo Maschio. Da subito, con una difesa molto aggressiva e a tutto campo, i nostri non hanno lasciato agli avversari il tempo di pensare e di imbastire il proprio gioco, creando subito il break.

Molto efficaci anche in attacco, i nostri ragazzi. Tutti sembrano in una fase di grande crescita e miglioramento, nel gioco individuale ma soprattutto nel gioco di squadra, dove si vede la mano sapiente dei nuovi allenatori.

I giocatori leader rimangono dei veri trascinatori, ma tutti e 12 i ragazzi hanno avuto il loro spazio e dato un buon contributo.
Complimenti e avanti così OSA!
Massimo Ciaravolo